Articoli

Si era già parlato di un provvedimento che avrebbe agevolato i giovani nell’acquisto di un’abitazione. Il tutto, nell’ottica di un aiuto al raggiungimento dell’indipendenza dai genitori e di una maggiore responsabilizzazione. Quindi, si è deciso che i ragazzi, con meno di 36 anni, potranno accedere in maniera agevolata al mutuo prima casa. Ma vediamo quali sono le novità del bonus prima casa introdotte dal decreto Sostegni bis, a favore dei giovani. A questi ultimi spetteranno vantaggi enormi per acquistare un immobile. Ebbene, anzitutto il decreto ha aggiunto a quelli già previsti, ulteriori benefici. Essi riguardano il limite di età innalzato da 35 a 36 e l’Isee da presentare. Vediamo, dunque, più nel dettaglio, cosa cambia.

Intervento del Fondo di garanzia per l’acquisto prima casa

Anzitutto, il primo grande vantaggio è lo Stato ha predisposto un Fondo di garanzia, che soccorre nel caso di difficoltà economica del mutuatario. Se questi, dunque, durante la restituzione del finanziamento, incorra in difficoltà, interviene lo Stato. Sicchè, il Fondo coprirà l’80% qualora il richiedente: 1) presenti la domanda dal 30° giorno dall’entrata in vigore del decreto, quindi entro il 30 giugno 2022; 2) abbia un Isee non superiore a 40.000 euro; 3) ottenga un mutuo superiore all’80% del valore dell’immobile.

Innalzamento del limite di età ed altre novità introdotte dal decreto Sostegni bis

Inoltre, altra novità è l’estensione della misura vantaggiosa di 1 anno, cioè non verrà concessa agli under 35 ma agli under 36. Altro vantaggio incredibile riguarda le tasse, in quanto grazie al provvedimento statale, i giovani under 36 non dovranno pagare alcuna imposta. Per essa si intende: né ipotecaria, né di registro né catastale. Il tutto, a condizione che abbiano un Isee inferiore a 40.000 euro con riferimento all’anno del rogito. In caso, inoltre, di eventuale pagamento dell’IVA sul prezzo dell’immobile, essi la recupereranno attraverso l’attribuzione del credito d’imposta, sempre con riferimento all’anno dell’atto di compravendita. 

Altre novità disposte dal decreto Sostegni bis sul bonus prima casa

Abbiamo visto quali sono le novità del bonus prima casa introdotte dal decreto Sostegni bis, a favore dei giovani. A questi se ne aggiungono altri collaterali, che riguardano sempre i giovani under 36 con Isee inferiore a 40.000 euro. Essi otterranno vantaggi anche per la costruzione, la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo considerati prima casa. In proposito, hanno diritto all’esenzione dall’imposta sostitutiva di registro, di bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse di concessioni governative.