Abbassare legalmente l’ISEE è possibile in modo perfettamente legale ma bisogna vedere se ne vale la pena. Esso è, infatti, l’indicatore della situazione economica delle famiglie che serve per ottenere determinati benefici statali. Si tratta, infatti, del principale criterio prescelto per accertare se le famiglie hanno diritto a prestazioni per il sostegno del reddito erogate dallo Stato. Non a caso, ci sono prestazioni erogate solo a chi non superi una certa soglia ISEE. In altre, invece, l’importo maggiore o minore della prestazione assistenziale, è calibrato in base all’ISEE. i pensi al bonus bebè, al Reddito di Cittadinanza ecc. In definitiva vediamo come abbassare l’ISEE. Questi sono i 3 sorprendenti metodi legali per far risultare l’ISEE più basso. Utilizzandoli, potremo evitare di perdere quei benefici statali che tanto ci servono per la nostra ripresa. 

I 3 metodi per far risultare l’ISEE più basso

Anzitutto, vediamo sulla base di quali criteri viene redatto l’ISEE. Nella specie, si tiene conto di redditi e patrimoni relativi ai 2 anni precedenti. Quindi, ad esempio, per l’ISEE 2021, rilevano i redditi e i patrimoni sussistenti nel 2019. La prima soluzione per abbassarlo è quella di intervenire sulla giacenza media dei conti correnti. In che modo? Basta la cointestazione di un conto corrente bancario o postale. In questo modo, la giacenza media che serve per calcolare l’ISEE rileverà per la metà dell’importo, che è la quota di spettanza. Tuttavia, perché ciò accada, è necessario che la contestazione avvenga con una persona esterna al nucleo familiare. Diversamente, la manovra non avrà alcun senso perchè rileverà ugualmente anche il reddito del cointestatario. 

Secondo metodo per far risultare l’ISEE più basso 

Il secondo metodo consiste nell’intervenire sui beni immobili non abitati. Poiché, dunque, questi aumentano l’ISEE, conviene concederli in usufrutto. La nuda proprietà, infatti, non rientra nel calcolo dell’ISEE.

Terzo metodo per abbassare lISEE 

La terza via, che è la più battuta, consiste nel richiedere l’ISEE corrente. In questo modo, anziché tenersi conto di redditi e patrimoni di 2 anni prima, si considerano quelli dell’anno precedente. Ne deriva che se la situazione economica è più svantaggiosa nel 2020 rispetto al 2019, conviene richiedere l’ISEE corrente. In definitiva, questi sono i 3 sorprendenti metodi legali per far risultare l’ISEE più basso. Ciò, in modo da evitare di perdere quei benefici statali che tanto ci servono per la nostra ripresa!